Cari Genitori,(info 5)

dopo due settimane di “insegnamento a distanza” sentiamo la necessità di condividere con voi qualche riflessione.

All’inizio, l’utilizzo della piattaforma moodle ha creato non pochi problemi, del resto prevedibili vista la massa di dati che vi sono stati immessi a partire da lunedì 23 marzo dai docenti di tutti gli ordini di scuola del Cantone Ticino: solo per le medie, circa 1400 insegnanti per circa 12000 allievi in 36 sedi! Immediatamente il CERDD (centro di risorse didattiche e digitali) e i responsabili informatici di sede sono intervenuti per apportare le necessarie migliorie tecniche al sistema e ora moodle funziona.

D’altro canto anche  i docenti stanno cercando di “aggiustare la mira”, cercando le soluzioni migliori per presentare agli allievi dei materiali che siano realmente gestibili a distanza.

Vi siamo vicini e sappiamo quanto possa essere sfiancante assistere i ragazzi in questo frangente quando già la situazione di per sé ci impedisce di agire con la consueta lucidità e serenità nel nostro quotidiano e la scuola, per quanto importante,  non è certo l’unico aspetto problematico da affrontare. Vorremmo qui rivolgerci in particolare ai Genitori degli allievi più grandi, adolescenti per i quali il “gruppo” e il contatto fisico (siano spintoni o baci e abbracci) sono aspetti imprescindibili nella faticosa avventura della crescita. Inoltre, e questo vale per tutti, sono saltati i riti e i ritmi giornalieri che danno la sensazione indispensabile di sicurezza e appartenenza.

Sappiamo che l’utilizzo del computer può anche essere condiviso fra più persone in famiglia, soprattutto ove i Genitori stessi stiano lavorando da casa: non sarà perciò sempre possibile per gli allievi mettersi davanti allo schermo all’orario in cui avrebbero seguito questa o quella lezione in classe. I docenti ne sono consapevoli e si mettono comunque a disposizione dei ragazzi in altri momenti per dare chiarimenti.

Detto questo, vogliamo ringraziarvi di cuore per l’impegno supplementare che questo lavoro sulla piattaforma sta sicuramente richiedendo anche a voi. Ci rendiamo conto che non è facile gestire anche questo aspetto, quando sarete già impegnati su vari fronti nella vostra vita privata. Come ha ribadito il medico cantonale dr. G. Merlani nel corso della conferenza stampa di venerdì 3 aprile, ci troviamo in una fase molto delicata: a un mese dall’inizio di questa situazione che ha sconvolto le nostre vite, cominciano ad affiorare la stanchezza, la diffidenza nei confronti delle misure imposteci e i dubbi sulla loro validità: proprio adesso è imperativo non cedere!

Vi chiediamo dunque di continuare ad assistere per quanto potete i ragazzi, affinché restino “agganciati” alla scuola che è la loro quotidianità perduta al momento. Tutti i docenti, ma in particolare i docenti di classe e il responsabile informatico T. Ferrari, monitorano costantemente l’accesso degli allievi alla piattaforma così da informare prontamente la famiglia qualora si dovessero presentare situazioni problematiche.

Da parte nostra faremo di tutto per adeguare i materiali caricati su moodle ai cambiamenti della situazione: non sappiamo se e quando ricominceremo, dobbiamo quindi navigare a vista, come voi.

Grazie dell’attenzione e cordiali saluti.                          

Il vostro Consiglio di direzione

from to
ical Google outlook